L’agnello in tajine

La ricetta per cuocere l’agnello in tajine con le prugne. È stato un tentativo di imitazione, di una cosa deliziosa mangiata in un ristorante marocchino a Parigi.

  • Preparazione20 min
  • Cottura20 min
  • Totale40 min
  • Cucina tipica
    • Italiana
    • Mediterranea
    • Etnica
  • Tipologia
  • Tipo di cottura
    • Tradizionale
  • Tipologia Dieta
    • Pochi grassi
    • Mediterranea

Ingredienti

Per l'agnello in tajine

  • 1kg di polpa di agnello
  • 1 lt di latte
  • 3 scalogni
  • 3 spicchi d’aglio
  • salvia
  • rosmarino
  • timo
  • limone
  • prugne secche
  • lardo
  • sale grosso
1

Mettete l’agnello a pezzi in una ciotola o pirofila con 2 scalogni a fette, 2 spicchi d’aglio, salvia e rosmarino e copritelo di latte. Lasciatelo riposare in frigo per almeno dodici ore.

2

Dopo dodici ore, fate scorrere acqua fresca all’interno della ciotola fino a che sarà completamente limpida. Dovrà sparire tutto il latte e il liquido che si è creato.

3

Portate a bollore una casseruola con acqua e due cucchiai di aceto bianco. Quando bolle fate passare i pezzi di polpa d’agnello per due minuti e scolateli immediatamente. Si creerà una schiuma sul pelo dell’acqua, che avrà un odore fastidioso.

4

Tritate finemente: salvia, rosmarino, uno scalogno, uno spicchio d’aglio. Mescolatelo al sale grosso e aggiungete la buccia grattugiata del limone e il succo.

5

Con questo sale aromatizzato, massaggiate accuratamente la polpa dell’agnello, almeno per 5 minuti così l’agnello assorbirà il sale necessario.

6

Disponete nella tajine la polpa dell’agnello, le prugne secche e il lardo a fettine sottili. Fate andare a fuoco basso con il coperchio per almeno 20 minuti. Non fatelo cuocere troppo, la carne ha già subito tre trattamenti diversi.

7

Servite l’agnello con del lardo e abbondanti prugne e con una polentona morbida.

Con la ricetta per cuocere l’agnello in tajine con le prugne, voglio mantenere vivo quel ricordo di quel meraviglioso locale marocchino.

Unire la carne di agnello a frutta, frutta secca e cotture morbide come nella tajine. Tutto cuoce senza fretta e con un atmosfera quasi antica. Mi piace da impazzire, mi fa sentire un pò più moderna e un pò più libera.

Io uso la tajine di Emile Henry che si può mettere sopra il fuoco. Si presta per cotture di ogni tipo, carne, pesce, frutta, verdura. È molto bella poi da portare anche in tavola.

La tajine Emile Henry è adatta per la cottura di carni come l’agnello.

Un altra ricetta a base di agnello cotto nella tajine la trovate anche qui.

Mi è arrivata questa piccola tajine, decorata, originale, l’ha portata il titolare del locale, un uomo bellissimo.
Apro il coperchio e vorrei morire lì. Tutta la pace, il godimento, il piacere, la passione, tutto è concentrato lì, in quel piccolo tegame che contiene agnello e prugne.

Bon Apetit!

scroll to top